La Certificazione EPD

La certificazione EPD e’ il documento che informa e quantifica l’impatto ambientale di prodotti e servizi, dalla produzione della materia prima di cui sono composti fino al loro fine vita, cioe’ allo smaltimento. La certificazione EPD è regolata dalla norma ISO 14025 e si basa sullo studio del ciclo di vita del prodotto/servizio (cd. studio di LCA).

Facciamo un esempio. Prendiamo una penna a sfera. Per determinarne l’impatto ambientale dobbiamo verificare  gli impatti del prodotto e dei suoi componenti: dall’estrazione, lavorazione e raffinamento della plastica, del metallo e dell'inchiostro, alla produzione della penna; dal trasporto della materia prima di cui è composta a quello del prodotto finito, fino allo smaltimento a fine vita del prodotto e del suo imballo.

Per calcolare gli impatti ambientali per ognuno di questi processi dovranno essere misurate le
risorse in entrata (in termini di energia, acqua ecc.) e le emissioni in uscita. Le informazioni che
ne conseguono (contenute nell’EPD) avranno una funzione meramente  informativa, diversamente, ad esempio, dall’Ecolabel che esprime  per il prodotto  anche un valore prestazionale.

Tuttavia l’obiettivo ultimo è quello di sensibilizzare il pubblico a scegliere prodotti dal minore
impatto ambientale: l’EPD illustra tutti questi dati e permette dunque di fare una scelta di acquisto consapevole, cioè di scegliere se acquistare nel caso citato, una penna dall’impatto ambientale, ad esempio... pari a 10 Kg. di CO2 ed un’altra… magari pari a 100 Kg. di CO2.

L’EPD è una certificazione soggetta a riesame periodico. Rappresenta un importante elemento di distinzione commerciale del prodotto, in un momento in cui il sentimento ecologico generale riscontra sempre maggiore interesse, riconoscimento e diffusione.

Per ottenere l’EPD la tempistica è influenzata dal numero e tipo di prodotti da certificare, dai tempi necessari per effettuare le prove, l’LCA, le visite ispettive e le pratiche di certificazione.

I costi variano spaziando dalla consulenza per l'analisi tecnica, alle prove di laboratorio, ai
controlli dell'ente. Inoltre si consideri che, se mancassero le Regole codificate per Categoria di
Prodotto, le cd. PRC, queste devono essere sviluppate rappresentando quindi un costo addizionale.

In concreto per ottenere la Dichiarazione Ambientale di Prodotto, occorre seguire il
seguente percorso:

Primo - Sviluppo e approvazione delle Regole;
2 - Preparazione dell’EPD, contenente le informazioni dello studio sul ciclo di vita;
3 - Verifica di un Ente terzo indipendente;
4 - Convalida della dichiarazione.

Società di consulenza specializzate saranno sicuramente in grado di assistervi nella fase di preparazione dello studio di LCA, dei test, e dell’orientamento verso la scelta dell’ente di certificazione più rispondente alle vostre esigenze.

Ricordo infine che sono previsti vari interventi pubblici a favore delle imprese che investono nei
processi di certificazione e che i servizi di consulenza rientrano spesso nella tipologia di
servizi finanziabili.

Sei già Green?

Sei in possesso della certificazione EPD o di una delle 10 certificazioni green da noi promosse?
Clicca qui
professionista greentop